martedì, 12 novembre 2019

Gallipoli esempio della buona movida per tutta Italia

Chiusura degli stabilimenti balneari a inizio serata, e chiusura di pub e ristoranti a serata inoltrata, per lasciare spazio fino alle 4 del mattino solo alle discoteche. È il contenuto dell’ordinanza del sindaco di Gallipoli, Francesco Errico, che, secondo l’Associazione Italiana Imprese di Intrattenimento da Ballo e di Spettacolo (Silb) “mette d’accordo tutti, residenti, turisti, operatori commerciali, istituzioni e forze dell’ordine”.
Il Silb annuncia in una nota la volontà di rilanciare sul territorio nazionale questa iniziativa.     ”Lo scorso anno il Salento – ricorda Giuliana Perrotta, prefetto di Lecce – è stato l’esempio negativo di una movida sfuggita spesso di mano a cui si è dovuto mettere rimedio per evitare il continuo degenerare di situazioni pericolose”. 
“È bastato saper scaglionare bene gli orari di apertura e di somministrazione fra le differenti tipologie di pubblico esercizio – sottolinea Maurizio Pasca, presidente del Silb – per creare l’equilibrio necessario a salvare la buona movida ed evitare gli effetti dannosi dei ritrovi scriteriati e abusivi, quindi pericolosi per la tutela della salute pubblica. Gallipoli si pone in questo modo come esempio alle cui linee di principio – aggiunge – potrebbero ispirarsi altri Comuni per evitare gli effetti deleteri della cosiddetta ‘malamovida’ che porta a privare turisti e cittadini del meritato svago nelle sere d’estate”.

News Correlate