giovedì, 21 novembre 2019

Msc Fantasia arriva a Cagliari e Compagnia promette 130.000 turisti nel 2020

MSC Fantasia ha fatto il suo ingresso a Cagliari, una delle navi più moderne e tecnologicamente avanzate – anche sotto il profilo ambientale – della giovane flotta di MSC Crociere. Nel principale scalo sardo, durante la prossima stagione crocieristica, la compagnia effettuerà complessivamente 34 scali, movimentando un totale di circa 130.000 passeggeri e confermando, così, la centralità rivestita da Cagliari e dal suo porto nelle strategie del gruppo crocieristico leader in Italia, Mediterraneo, Europa, Sud America, Sud Africa e Paesi del Golfo.

Per celebrare il primo attracco di MSC Fantasia è stata organizzata, a bordo della nave, la tradizionale cerimonia del ‘Maiden Call’. Alla presenza del management di MSC Crociere, hanno scambiato il crest con il Comandante della nave, Corrado Iaconis, le principali istituzioni e autorità civili e militari, tra le quali il Prefetto Bruno Corda, l’Assessore al Turismo Alessandro Sorgia, il Vice Questore Giovanni Marziano, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, Generale Patrizio Vezzoli, il Comandante Provinciale dei Carabinieri, Colonnello Cesario Totaro, il Contrammiraglio Edoardo Compiani, Comandante di Marisuplog, il Comandante in seconda della Guardia Costiera, Capitano di Vascello Massimo Di Martino, il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco, Francesco Orrù, la Responsabile Marketing dell’Autorità di Sistema Portuale, Valeria Mangiarotti, il Capo Pilota di Cagliari, Mario Minutoli, il Presidente del Gruppo Ormeggiatori, Vitaliano Angioni, l’Amministratore Delegato di Cagliari Cruise Port, Antonio Di Monte, il Presidente dell’Associazione Agenti Marittimi della Sardegna, Giancarlo Acciaro, e il Presidente Plaisant Ship Agency, Salvatore Plaisant.

“Cagliari continua a rappresentare una tappa strategica per gli itinerari di MSC Crociere, come dimostrano i dati di movimentazione passeggeri per l’anno prossimo, quando in città arriveranno circa 130.000 nostri passeggeri”, ha spiegato Leonardo Massa, Country Manager della compagnia. “Grazie alla collaborazione e all’appoggio degli enti locali, che desidero ringraziare, a Cagliari siamo riusciti a dar vita ad una programmazione crocieristica che prevede una nostra importante presenza. La città è infatti una meta turistica dalle notevoli potenzialità sia perché ricca in proprio di storia e cultura, sia perché circondata da splendide destinazioni note a livello internazionale”, ha aggiunto Luca Valentini, Direttore Commerciale di MSC Crociere.

Molto ricca la proposta di escursioni che MSC Crociere organizza durante la sosta delle sue navi. Oltre ai tradizionali tour della città, molto richiesti e apprezzati dai crocieristi, è possibile raggiungere la piccola cittadina di Barumini e il suo villaggio nuragico, sito dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Durante l’escursione, oltre ad osservare dall’esterno queste misteriose strutture in pietra, è possibile visitare l’interno di una torre a tre piani. In alternativa, si può prenotare una visita al sito archeologico di Nora, situato in una penisola a sud di Cagliari, ex colonia e porto di origine fenicia, caratterizzato da antichi teatri, templi, bagni termali, case di nobili e resti di mosaici decorativi. Previsto anche un coinvolgente viaggio a Dolianova, graziosa cittadina di mercato e importante centro di produzione di olio d’oliva, durante il quale è possibile visitare la cattedrale romanica-pisana, un frantoio per la spremitura dell’olio e il piccolo villaggio di Serdiana, dove si entra nei vigneti Argiolas in cui si producono alcuni tra i migliori vini sardi. Interessante la visita a San Sperate, villaggio caratterizzato da una serie di murales dipinti da vari artisti e da una collezione delle cosiddette pietre “sonore” dello scultore Pinuccio Sciola, che rendono unico al mondo questo luogo. I viaggiatori più sportivi possono scegliere, infine, il trekking sul promontorio di Capo Sant’Elia, o Sella del Diavolo, attraversando paesaggi mediterranei ricchi di ginepri, olivastri e lentischi, oltre a molte altre specie di alberi e resti archeologici, passando per la spiaggia del Poetto, verso la laguna di Molentargius, con splendide viste della baia.

News Correlate