Turismo e artigianato vanno a braccetto in Sardegna

Oltre 3 milioni di arrivi e 15 milioni di presenze fanno crescere la domanda di beni e servizi per 6.574 le piccole e medie aziende coinvolte nel mercato turistico regionale. Più di una 1 impresa su 5, delle 35mila realtà artigiane della Sardegna, è coinvolta, direttamente o con l’indotto, nel mercato turistico regionale. Sono, infatti, ben 6.574 le pmi che si occupano di attività legate alle vacanze e allo svago: trasporti, ricettività, ristorazione, agroalimentare, servizi turistici, benessere, intrattenimento, attività ricreative e culturali ma anche produzione e vendita di monili, artigianato artistico, abbigliamento e calzature. Sono questi alcuni dei numeri chiave del dossier ‘Imprese e valore artigiano in Sardegna 2019’, realizzato dall’Ufficio Studi di Confartigianato Sardegna su dati Istat, Unioncamere e Movimprese.

A livello nazionale, come peso di imprese artigiane coinvolte nel turismo, la Sardegna occupa la sesta posizione; prima la Sicilia con il 22,1%, seconda la Campania con il 21,1%, contro una media Nazionale, del 16%. Tra le province (vecchi confini) Cagliari raggruppa 2.621 imprese (il 19,8% delle imprese artigiane coinvolte rispetto al totale iscritto nella Camere di Commercio), Sassari 2.292 (18,4%), Nuoro 1.242 (19,4%) e Oristano 419 (15,6%).

“Il brand Sardegna deve essere da impulso per la nascita di nuove imprese artigiane – commenta Antonio Matzutzi, presidente di Confartigianato Imprese Sardegna – ciò lo si può fare continuando a investire nel Prodotto, nella Programmazione e nella Promozione e, soprattutto, credendoci. In ogni caso, è necessario tenere sempre ben presente come l’artigianato non significhi solo attrazione turistica, ma anche valorizzazione di tutta la filiera di servizi che genera ricadute positive sull’intera economia di un territorio”.

News Correlate