martedì, 19 febbraio 2019

Air Italy, a Olbia lavoratori sul piede di guerra

Da quando la continuità territoriale area ad Olbia è passata dalle mani di Air Italy a quelle di Alitalia la preoccupazione è alta. Ecco perché ieri almeno 250 lavoratori della compagnia Air Italy si sono riuniti in assemblea nello scalo gallurese rispondendo all’appello formulato da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Trasporto aereo e Anpav.

L’assemblea si è pronunciata sul via libera alle procedure di raffreddamento nei confronti di Air Italy, senza escludere successive forme di protesta, e una richiesta urgente di incontro rivolta sia alla Regione Sardegna che al governo nazionale.

“Da un lato Alitalia oggi è in grado di operare ma dal 30 giugno ci sarà poco da stare tranquilli, dato che non naviga in buone acque”, dicono i rappresentanti sindacali al termine dell’incontro.

“D’altro canto vorremmo capire se da parte di Air Italy si tratta dell’ennesima conferma di un disimpegno rispetto a Olbia e alla Sardegna o se la società intenda opporsi a questa aggiudicazione”, concludono.

News Correlate