Wednesday, 11 December 2019

La Sardegna piace sempre di più ai russi in cerca di lusso, shopping ed esperienze esclusive

Cresce la popolarità della Sardegna tra i turisti russi. La crescita del brand dell’Isola è del 35% secondo i dati di Yandex, elaborati e presentati da Giulio Gargiullo esperto di marketing digitale fra Italia e Russia. Le ricerche relative solo al termine ‘Sardegna’ in russo sono state di 83.454 nel 2017 e di 112.743 nel 2018. Il trend positivo di crescita mostra un boom di turisti russi in Sardegna questa estate, grazie anche ai nuovi collegamenti diretti attivati.

“I dati sono molto positivi per quanto riguarda l’aumento della popolarità della Sardegna da parte dei russi, dato che è una delle mete più apprezzate nel Belpaese. I russi sono notoriamente amanti dell’Italia, tendono a tornarci più volte nel corso degli anni e sono in cerca di shopping, lusso e di esperienze esclusive. I viaggiatori russi sono i secondi – dopo i cinesi -che spendono di più in acquisti nel nostro Paese con uno scontrino medio che varia dagli 800 ai 1000 euro, fino ad arrivare a cifre maggiori in eventi particolari (Dati Tax Free Shopping) – ha detto Giulio Gargiullo – Molte le opportunità anche per il settore hospitality: la fascia di viaggiatori d’affari e professionisti sceglie per il 58% hotel a 4 e 5 stelle e categoria lusso. Le famiglie con bambini scelgono invece alberghi 4 e 5 stelle nel 40% dei casi, e scelgono hotel a 3 stelle nel 45% dei casi secondo il rapporto congiunto ambasciate-consolati ENIT 2017. Un recente rapporto di hotelmag.it segnala che la propensione dei viaggiatori dalla Russia a spendere fa scegliere esercizi alberghieri nell’80,6% dei casi, il 45% dei quali si orienta sull’extralusso. È fondamentale quindi condurli e accoglierli nel giusto modo presso la propria attività commerciale, la propria struttura turistica, o la propria azienda con un sito ad hoc in russo, e attività di marketing digitale attraverso il motore di ricerca russo Yandex e i social network russi, fra i quali VK. Loro parlano poco inglese e comunque preferiscono trovare informazioni nella loro lingua madre”.

Anche i dati ENIT dal MITT di Mosca confermano il trend: “I viaggi all’estero dei turisti russi, big spender e amanti dello shopping e del lusso, sono cresciuti del 33,7%, e di ben il +67% quelli verso l’Italia che raggiunge il podio al terzo posto dopo Turchia e Thailandia con 804 mila viaggi (+19% sul 2017), superando i 780 mila della Spagna. La propensione a spendere fa scegliere esercizi alberghieri nell’80,6% dei casi e non si accontentano: il 45% si orienta sull’extra lusso”.

www.giuliogargiullo.it

News Correlate