Catania: 407mila passeggeri a Natale, cresce traffico internazionale ed exploit charter

Saranno circa 407mila i passeggeri in transito nell’aeroporto di Catania fra Natale e la Befana, periodo in cui lo scalo raggiungerà lo storico record di 9 milioni di utenti lungo il 2017.

Fra il 21 dicembre e l’8 gennaio 2018, infatti, è previsto un movimento complessivo di 406.914 passeggeri (+ 7,24 rispetto al periodo analogo del 2016, quando i transiti furono 379.424). Nel dettaglio: 304.914 si muovono da/per città italiane (+5,6%), mentre i restanti 102.000 sono diretti o provengono da destinazioni internazionali (+13,84).

Di particolare rilievo il dato relativo alle partenze che vede 208.475 passeggeri (+9,15%) pronti a decollare da Catania: una quota superiore, complessivamente, rispetto agli arrivi che si fermeranno invece a 198.439 (+5,3).

Percentuali ancora più soddisfacenti, con sviluppi a due cifre, emergono poi dall’analisi delle rotte internazionali che in questa ultima porzione del 2017 registrano numeri significativi di viaggiatori in transito a Catania Fontanarossa e diretti o provenienti dalle maggiori città d’Europa: +15% nelle partenze, +13% negli arrivi.

Le giornate con il maggior picco di traffico a Fontanarossa saranno quelle di venerdì 22 dicembre (190 voli e 26.489 passeggeri) e di mercoledì 3 gennaio (185 voli e 27.037 passeggeri).

“Crescono le partenze sotto Natale da Catania – sottolinea Nico Torrisi, amministratore delegato SAC – e crescono, soprattutto, i movimenti da/per l’estero: un segmento, quello del mercato internazionale, al quale SAC ha dedicato grande attenzione in questo anno che va a concludersi, mettendo in atto politiche commerciali mirate sia a implementare il ventaglio di collegamenti con voli diretti, sia ad arricchire il portfolio delle compagnie aeree”.

Analizzando nel dettaglio i flussi di traffico, emerge che, in queste festività natalizie 2017, cresce in maniera considerevole (+53%) il mercato internazionale con l’Europa dell’Est dove figurano, con 10 voli ciascuno, la Russia con Mosca e la Polonia con Katowice: destinazioni assenti lo scorso anno e che hanno registrato importanti flussi di passeggeri lungo la summer del 2017. In cima alla lista è Bucarest (44 voli tra arrivi e partenze), seguita da Istanbul (38), Budapest (20), Sofia (14).

Malta resta al top delle preferenze con 108 voli nel periodo in esame. Tra le altre destinazioni europee spicca Barcellona, che ha implementato il numero di voli (i 28 del 2016 sono diventati 38); Parigi con 26; Ginevra e Francoforte con 24 voli ciascuno (ma la città tedesca è al suo debutto a Catania nel periodo di Natale); Stoccarda, Zurigo e Amsterdam sono collegate a Fontanarossa da 22 voli; Londra ne riunisce 36 fra gli scali di Gatwick e Luton; Madrid ha 18 voli.

Inoltre, da sottolineare il boom dei charter: con il +28,6% di traffico tra Natale, Capodanno e la Befana è il segmento che, in assoluto, registra la maggiore percentuale di crescita a Fontanarossa in questa ultima parte dell’anno, da sempre prediletta per brevi viaggi all’estero. Si parte per Barcellona, Sofia, Jebel Ali (Emirati Arabi Uniti) e Atene.

Sul fronte dei voli nazionali crescono i collegamenti tra Catania e Roma Fiumicino, peraltro la rotta italiana in assoluto più trafficata: 301 movimenti aerei in partenza e altrettanti in arrivo (nel 2016 erano 292); quasi raddoppiano i collegamenti con Napoli (70 da 39); e aumentano anche Verona (66 contro 55 del 2016) e Venezia (56 rispetto ai 50 dello scorso anno).

News Correlate