mercoledì, 23 ottobre 2019

Da febbraio le prime proposte di viaggio de Le Soste di Ulisse

“Vogliamo far crescere il brand come rappresentativo dell’eccellenza culturale paesaggistica e gastronomica del territorio e far vivere la Sicilia con una quotidianità di grande qualità. Anche con le nostre imperfezioni che diventano valore aggiunto, i nostri luoghi sono autentici, poco globalizzati e questo è un valore”. Lo ha detto Pino Cuttaia, chef del ristorante La Madia di Licata (Agrigento) e presidente dell’ Associazione Le soste di Ulisse che raggruppa in Sicilia 41 soggetti tra ristoranti, hotel e cantine, a Milano, nel corso della presentazione del Calendario di eventi e attività programmati fino al 2020 in Italia e all’estero.

“Le Soste di Ulisse – racconta Cuttaia – è nata 15 anni fa da un gruppo di amici per passare parola tra i clienti e far diventare la Sicilia un luogo in cui accompagnare gli ospiti e far scoprire le nostre bellezze e oggi vogliamo proporre viaggi dedicati alle singole esigenze”.

Tra le proposte, la visita dei quartieri delle città, scoprire le “ape car” che vendono frutta e verdura, di stagione. E ancora “i panni stesi nelle nostre strade – aggiunge Cuttaia – scomparsi dalle grandi metropoli, in Sicilia significano condivisione di un filo per stendere tra famiglia e famiglia che vuol dire rispetto. Messaggi importanti da leggere come un dipinto per raccontarli. Il cuoco oggi è ambasciatore del proprio territorio, ha modo di far conoscere il piccolo artigiano per impedire che il suo sapere scompaia con lui. Vogliamo dar voce a questi eroi dietro le quinte, poco conosciuti, ma fondamentali. Oggi il lusso è autenticità da proteggere”.

Le prime proposte di viaggio saranno disponibili sul sito “Le Soste di Ulisse” a partire da febbraio e riguarderanno la Sicilia occidentale, orientale e delle isole minori.  “Con grande attenzione alla destagionalizzazione dei flussi con offerte lungo tutto l’arco dell’anno” conclude Cuttaia.

News Correlate