Ncc incontrano l’assessore Falcone: in Sicilia evitato il peggio

La nascita di un Osservatorio regionale per monitorare le esigenze dell’autotrasporto pubblico non di linea, ovvero taxi e aziende di noleggio con conducente (Ncc) e rappresentanza alle sigle di categoria Ncc nella “Commissione consultiva regionale per gli autoservizi pubblici non di linea”. Sono i punti principali di un vertice che si è tenuto sabato scorso a Palazzo Della Regione Esa a Catania tra le associazioni di categoria Ncc Federnoleggio Confesercenti, Fita Cna, Anitrav e Asi Ncc e l’assessore regionale delle infrastrutture e della mobilità, Marco Falcone.

Un incontro chiesto da Federnoleggio Confesercenti durante il quale all’assessore è stato consegnato il protocollo d’intesa siglato dalle quattro sigle di rappresentanza (le più rappresentative a livello regionale e nazionale) per evidenziare le necessità della categoria dopo le fibrillazioni degli ultimi mesi determinate dal decreto nazionale 143/2018 che ha introdotto una serie di limitazioni ai titolari di autorizzazione Ncc.

“Sull’Isola come in Sardegna si è riusciti ad evitare il peggio – dice il presidente regionale di Federnoleggio Confesercenti, Giuseppe Contraffatto – perché è passata la deroga dell’insularità e dunque i titolari delle autorizzazioni Ncc possono operare su tutto il territorio regionale e non solo su quello provinciale, ma quanto accaduto con questo decreto ha evidenziato in maniera forte la necessità di aprire un confronto con le istituzioni sulla nostra categoria e sull’importanza che riveste sotto il profilo economico e sociale. Nell’assessore Falcone abbiamo trovato un interlocutore attento a garantire un sistema che possa dare risposte alle aziende e ai consumatori”.

Tra le istanze avanzate ed accolte dall’assessore c’è anche il rinnovo della composizione della “Commissione consultiva regionale per gli autoservizi pubblici non di linea” (taxi e Ncc), prevista dalla legge di settore 21/92, garantendo anche la presenza all’interno della stessa, delle associazioni di categoria Ncc.

“E’ stato un incontro molto positivo – continua Contrafatto – in cui abbiamo rappresentato anche l’esigenza di creare un regolamento-tipo regionale che metta ordine alle centinaia di regolamenti comunali che disciplinano a livello locale il servizio taxi e Ncc e che sono molto spesso in contrasto tra di loro e con la legge quadro e che generano confusione ed incertezze sull’effettivo svolgimento del servizio di noleggio con conducente. L’altro punto discusso – conclude- ha riguardato la lotta all’abusivismo diffuso nel settore e la mancanza di controlli sulle pratiche di esercizio delle attività difformi dalla normativa”.

 

News Correlate