Museo senza fondi, appello per salvare il Mandralisca di Cefalù

“Il Mandralisca non chiuda”. Un nuovo appello per la salvezza del museo di Cefalù è stato lanciato dal sindaco Rosario Lapunzina con una lettera aperta al presidente della Regione, agli assessori alla cultura e all’istruzione e ai presidenti dei gruppi parlamentari dell’Ars.

La fondazione che gestisce il museo, nel quale è esposto anche il celebre Ritratto d’uomo di Antonello da Messina, denuncia uno stato di grave sofferenza aggravato dal taglio dei contributi regionali: da 117 mila a 72.500 euro.

Il museo è inserito, come altri beni culturali, in un elenco (ex tabella H) di beneficiari di contributi della Regione che quest’anno hanno subito una significativa riduzione. Oltre a quelli regionali la fondazione riceve un contributo di 40 mila euro (confermato) da parte del Comune. Gli incassi per la vendita dei biglietti ammontano a circa 100 mila euro. Secondo il presidente Antonio Purpura, gli incassi complessivi non bastano a sostenere gli oneri di gestione e a pagare gli stipendi ai dipendenti.

Da qui l’appello del sindaco che sottolinea, nella lettera aperta, l’importanza del museo e delle sue collezioni, oltre al quadro di Antonello.

 

 

News Correlate