Corsica Ferries sospende lo spot accusato di essere ‘mafiastyle’

Polemica per lo spot della compagnia marittima Corsica Ferries, che dal 21 aprile ha cominciato le corse da Trapani a Tolone e Nizza. Nel video promozionale si vede un uomo con voce da Marlon Brando nel Padrino che in un ristorante fiocamente illuminato mentre magia spaghetti dice in francese: “Se vuoi venire in Sicilia devi essere parte della famiglia”. Il sottofondo musicale proviene da un mandolino. Tanto è bastato per scatenare la protesta di Giacomo Tranchida, sindaco di Trapani, e Rosalia d’Alì, assessore comunale e presidente del Distretto turistico della Sicilia occidentale: “La Sicilia non può e non deve essere identificata unicamente come terra di mafia. Soprattutto in chiave turistica”.
Immediata la replica della compagnia che si è detta dispiaciuta per l’equivoco. “Lo spot – si legge in una nota di Corsica Ferries – che introduceva un concorso per il mercato francese, aveva il solo scopo di comunicare l’apertura della nuova linea da Tolone a Trapani, per “Raggiungere i Siciliani”. Gli argomenti usati (buon cibo, buona musica, belle ambientazioni familiari) erano volti raccontare le peculiarità positive dell’Isola. La pubblicazione dei video è stata immediatamente sospesa. Da qui in avanti la campagna prevede altri spot che esaltano le bellezze della Sicilia. Corsica Ferries crede nella nuova destinazione Sicilia e nelle sue potenzialità, legate alla cultura, all’ambiente, alla gastronomia e all’accoglienza. Tale convinzione è supportata dall’andamento delle prenotazioni e, quindi, dalla reazione molto positiva del mercato soprattutto francese, al quale si rivolge”.

News Correlate