lunedì, 22 aprile 2019

Festino al via, si punta a riconoscimento patrimonio immateriale Unesco

A Palermo si respira già aria di Festino. Quest’anno tema della 393/ma edizione del ‘Festino’ di Santa Rosalia che avrà il suo culmine il 14 luglio con la sfilata del carro, per concludersi il 15 con la festa religiosa, ha come tema la leggerezza. Per la terza volta la direzione artistica è stata affidata a Lollo Franco. Poco più di 236mila euro il budget stanziato “grazie alla programmazione biennale”, ha precisato il sindaco Leoluca Orlando

“Il Festino è lo specchio di Palermo – ha detto l’assessore comunale culturale Andrea Cusumano – e la leggerezza come tema rappresenta la capacità di elevarsi nei prossimi anni. Non a caso entrerà tra le manifestazioni di punta del cartellone di capitale italiana della cultura che è la vera grande cornice del 2018 all’interno della quale vi è Manifesta”. L’assessore ha poi annunciato l’intenzione di fare “un laboratorio permanente sul festino coinvolgendo gli studenti del liceo artistico Catalano di Palermo, come già fatto quest’anno, sposando l’idea di Palermo Capitale italiana dei giovani”.

Prima tappa del corteo del 14 sarà, da tradizione, la Cattedrale, dove ci sarà lo spettacolo delle fontane danzanti della compagnia Dominici’s. Lanci di petali, 13 acrobati sul trapezio e scenografie volanti animeranno la coreografia. Ai Quattro canti l’omaggio floreale del sindaco alla giovane Roberta Azzarone che sul carro impersonerà Santa Rosalia. Tappa finale del corteo sarà  Porta Felice, con i tradizionali fuochi d’artificio.

“Sarà una grande festa barocca adatta a grandi, piccini e turisti – ha detto Lollo Franco – si articolerà lungo il percorso Arabo normanno, sperando di contribuire così al riconoscimento del festino come patrimonio immateriale Unesco”.

Infine, per la prima volta in assoluto, il logo del festino si trasforma in gadget. L’idea è quella di creare un brand di magliettine, tazze, borsette per l’evento a cui quest’anno è stata dedicata un’app ad hoc. L’app ufficiale, scaricabile su App Store e Google Play, infatti, contiene informazioni sulla storia di Rosalia, il programma di tutti gli eventi in due lingue, italiano e inglese, fotografie e video sul festino e sui suoi protagonisti.

News Correlate