mercoledì, 13 novembre 2019

Francia leva sconsiglio su Stromboli, stagione salva alle Eolie

Il ministero degli Affari Esteri francese accoglie le richieste dell’Ambasciatrice italiana in Francia, Teresa Castaldo, e rimuove il comunicato che recitava si “consiglia vivamente di posticipare il proprio viaggio alle Isole Eolie” a seguito dell’eruzione dello Stromboli del 3 luglio scorso.

L’ambasciatrice era stata interpellata da Federalberghi Isole Eolie che aveva rappresentato come la situazione fosse abbondantemente rientrata, grazie all’ottimo lavoro degli enti preposti e al coordinamento del sindaco di Lipari, Marco Giorgianni. Nei tre giorni successivi all’eruzione dello Stromboli, su alcuni media erano stati infatti disegnati scenari macabri e “apocalittici”, tracciando l’identikit di un’”isola fantasma” e pericolosa.

Invece, il villaggio principale di Stromboli non è stato minimamente colpito dal fenomeno. E non è stata disposta alcuna evacuazione o interdizione all’isola né il giorno dell’evento né successivamente. Lo stesso sindaco di Lipari aveva per altro avuto modo di dichiarare “Non vi è alcuna ordinanza di divieto o di limitazione di accesso all’isola e quindi risulta del tutto inappropriato e infondato sconsigliarne la visita o il soggiorno. Nessuna criticità di sorta si riscontra nelle altre isole dell’Arcipelago Eoliano”.

“Ringraziamo – ha dichiarato Christian Del Bono, presidente di Federalberghi Isole Eolie e Isole Minori Sicilia – l’Ambasciatrice Castaldo per questo pronto quanto provvidenziale intervento che ha disinnescato quello che per qualche giorno ha rappresentato un pericoloso spauracchio per i visitatori francesi interessati alle Isole Eolie: primi in termini numerici tra gli stranieri nell’arcipelago. Registriamo – ha aggiunto Del Bono – anche il pronto interessamento del Ministro Moavero che ringraziamo, il cui intervento non è stato fortunatamente necessario perché nel frattempo l’Ambasciatrice Castaldo era riuscita attraverso la propria azione diplomatica e di chiarimento a far tornare sui propri passi il ministero francese”.

News Correlate