martedì, 17 settembre 2019

Piace l’idea dei bus turistici sightseeing anche nell’Alcantara

Si conoscerà lunedì 27 aprile l’impresa che si aggiudicherà il bando di gara lanciato dal Gal Terre dell’Etna e dell’Alcantara per la fornitura di due bus turistici.

Il Gal etneo ha infatti deciso di scommette su questa nuova formula di trasporto per far conoscere ai turisti i luoghi più nascosti del suo territorio. Un’iniziativa che ha trovato il consenso dei parlamentari regionali del PD Concetta Raia ed Anthony Barbagallo: “Sosteniamo il progetto del Gal Terre dell’Etna e dell’Alcantara, che prevede di far ‘scoprire’ e vivere il territorio attraverso nuovi percorsi con bus turistici scoperti” hanno detto qualche giorno fa al termine dell’audizione in commissione Territorio e Ambiente dell’Ars dove sono stati ascoltati i responsabili del Gal.

“Il progetto è molto valido – dicono Raia e Barbagallo – ed è in grado di rivitalizzare un intero territorio anche dal punto di vista economico. Si punta a valorizzare le aree rurali dell’Etna e dell’Alcantara grazie a percorsi turistici da attraversare con bus scoperti: in pratica il sistema “SightSeeing”, formula già rodata e di successo con il metodo “Hop On – Hop Off” (sali e scendi) che permette di scendere dal bus in determinate fermate, visitare l’area circostante, e poi risalire aspettando un’altra corsa, così da proseguire con lo stesso biglietto”.

Raia e Barbagallo hanno sottoscritto un emendamento alla prossima finanziaria regionale che permette di superare alcuni limiti normativi in materia di trasporti urbani in modo da poter istituire questi nuovi percorsi turistici.

News Correlate