mercoledì, 13 novembre 2019

Come attrarre i turisti cinesi in Sicilia aspettando il volo Palermo-Chengdu

Oggi solo l’1,7% dei flussi turistici cinesi che arrivano in Europa arriva in la Sicilia. “Ma per attirare questo nuovo target – ha sottolineato Concetta Caravello, direttore generale Europa Welcome Chinese a Travelexpo – c’è bisogno di una strategia che coinvolga l’intero territorio. Al momento come Welcome Chinese abbiamo lanciato sull’Isola solo due progetti pilota che coinvolgono la Valle dei Templi di Agrigento e la Villa Romana del Casale di Piazza Armerina, che hanno iniziato a dare i loro frutti. La Sicilia è una potenziale destinazione particolarmente appetibile per i cinesi che sono particolarmente attratti dai Siti Unesco e non è vero che non amano il mare, al massimo non amano abbronzarsi. Inoltre, negli ultimi anni hanno accresciuto il loro interesse per il vino, che sta diventando il nuovo status symbol, e sempre più spesso cercano tour durante la vendemmia.
E poiché in occasione dell’Anno del Turismo Europa-Cina 2018 si sta puntando a promuovere le nuove destinazioni del Vecchio Continente, la Sicilia può giocare un ruolo di primo piano e non può farsi trovare impreparata. I cinesi infatti chiedono un hub nel mediterraneo e la Sicilia potrebbe essere ideale ma serve una sinergia a 360 gradi tra gli attori del sistema turistico locale, dall’aeroporto agli alberghi. Del resto una promozione mirata sui social per attrarre i turisti cinesi a venire in Sicilia costa meno di una partecipazione alle fiere di settore. E lasciamo stare gli stereotipi: il cinese che viaggia non è quello che vende gli oggetti a 1 euro sotto casa. Chi viaggia ha il riscatto d’identità, parla piano, non si ubriaca”.

Quindi Concetta Caravello ha ricordato che per essere a prova di cinesi, gli hotel devono offrire bollitore in camere, wi-fi, canali televisivi CCTV, ricordarsi di non dare mai la camera numero 4, numero considerato sfortunato, e di non usare il bianco che è per il lutto. Inoltre, la colazione è un momento importante per i clienti cinesi.

“Palermo – ha aggiunto Natale Chieppa, direttore commerciale e marketing di Gesap spa – è l’unico aeroporto del Sud Italia in grado di accogliere voli intercontinentali a pieno carico. E la Cina è il prossimo mercato sul quale ci stiamo muovendo. In cantiere c’è un volo per Chengdu, che è fra i 30 aeroporti top del mondo, a 3 ore di volo da Shanghai e sul quale stanno per costruire sei piste. Stiamo trattando con una delle compagnie che operano sullo scalo, la Sichuan Airlines, per avviare entro la stagione invernale 2018 un volo diretto”.

News Correlate