mercoledì, 19 giugno 2019

Canova: creare una piattaforma per definire progetti da finanziare

“Per attuare il passaggio dai distretti turistici alle Dmo di quarta generazione in Sicilia è necessario cambiare co-progettando gli investimenti sulla promozione del prossimo triennio e imparare facendo”. È la ricetta che Lorenzo Canova, coordinatore della Segreteria Tecnica del Programma Sensi Contemporanei, ha presentato agli addetti ai lavori intervenuti all’incontro “Sicilia, Il Paradiso in Terra”, che si è svolto nei giorni scorsi a Palermo convocato dal Dipartimento Regionale del Turismo.

Canova, insieme ad Antonio Pezzano, esperto in turismo e ambiente per l’Agenzia per la Coesione Territoriale, hanno presentato il percorso progettuale concordato col Dipartimento Turismo nell’ambito delle azioni di accompagnamento previste dall’Accordo di Programma Quadro Azioni di Sistema per il Turismo Sensi Contemporanei interventi sulla filiera turistica per il miglioramento dell’attrazione e dell’immagine regionale, finalizzato a rendere operativo il nuovo modello di governance delle destinazioni turistiche.

Quindi hanno illustrato quindi gli step processuali da intraprendere – che si basano principalmente sull’adozione di due strumenti: il supporto e l’accompagnamento al territorio su problemi concreti, con l’ausilio, se necessario, di professionalità specifiche e l’utilizzo dei dati e la realizzazione di una piattaforma per le gestione di momenti di progettazione, di sperimentazione, di formazione, affinché ogni contesto possa imparare ad utilizzare i dati per le proprie esigenze, specificando per ciascuno di essi il risultato atteso, le tipologie di intervento che si potranno intraprendere e le fonti finanziarie disponibili, distinguendo altresì tra quanto si potrà sostenere con la linea d’intervento 6.8.3 del PO FESR 2014 2020 e quanto con la linea d’intervento sul marketing digitale dell’APQ Turismo e dell’APQ Cinema.

Per Canova la base di partenza è la creazione di una piattaforma per definire progetti da finanziare. Ma per poter funzionare la piattaforma deve avere a disposizione strumenti e risorse da utilizzare in una prima fase di test nel 2019 con un’eventuale estensione nel 2020.

A disposizione la linea di intervento per l’operatività della Dmo – 6.8.3. Po Fesr 14-20 che ha una disponibilità di circa 4,5 milioni di euro. L’intervento prevede cooperazioni editoriali con le testate giornalistiche più diffuse sui mercati target coerenti con le tipologie di viaggio da promuovere (nel periodo 2019-2020 Germania, Francia, UK e altri da definire) per generare interesse verso prodotti e destinazioni turistiche della Sicilia portando a un aumento di prenotazioni e pernottamenti sull’Isola; cooperazioni con i tour operator per offrire informazioni su misura e incrementare visite a destinazioni e siti minori e diversificare così l’immagine turistica della Sicilia; infine formazione-coaching degli operatori turistici e marketing intelligence così da poter entrare su nuovi mercati.

E ancora la linea di intervento sul marketing digitale – Apq Turismo che una disponibilità di circa 3,5 milioni e prevede 4 tipologie di intervento: campagne di pubblicità digitale dei prodotti turistici siciliani; campagne di esperienza interattive (+ pubblicità) online per offrire informazioni su misura e incrementare visite a destinazioni e siti minori; eCRM Formazione-coaching per migliorare la reputazione web; marketing intelligence per operatori turistici e dirigenti regionali.

Infine, per quanto riguarda l’Apq Cinema con disponibilità di circa 1,1 milioni, per diversificare l’immagine della Sicilia si punta a rafforzare e supportare la produzione di opere audiovisive (lungometraggi, documentari, serie TV, cortometraggi, nuovi strumenti audiovisivi digitali) realizzati in Sicilia e di sceneggiature ambientate in Sicilia e all’istituzione del fondo per produzioni finalizzate alla promozione turistica. Infine, si guarda alla creazione di prodotti sul cineturismo da parte degli operatori turistici per incrementare i flussi turistici specializzati e valorizzare i luoghi minori.

Per approfondimenti clicca su ALL_5_Intervento Canova_Pezzano.

News Correlate