Aeroporto Firenze, in 3.000 per dire no ad ampliamento

C’erano circa 3000 persone al corteo di protesta contro l’ampliamento dell’aeroporto fiorentino Amerigo Vespucci partito nel pomeriggio dal polo scientifico di Sesto Fiorentino e arrivato al parcheggio scambiatore della tramvia in viale Guidoni, nei pressi dello scalo. In testa uno striscione ‘No all’aeroporto – si al parco’ e subito dietro i sindaci di Prato Matteo Biffoni, di Campi Bisenzio Emiliano Fossi, di Poggio a Caiano Francesco Puggelli, di Carmignano Edoardo Prestanti, di Calenzano Alessio Biagioli e di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi che avevano già annunciato la loro adesione alla manifestazione organizzata da movimenti, comitati e associazioni per la tutela della Piana.

Accanto a famiglie, cittadini che avevano voglia di far sentire la loro voce, e ai rappresentati delle diverse associazioni e comitati che hanno organizzato il corteo, anche alcuni cittadini di Pisa.
Tutto si è svolto senza problemi di ordine pubblico ma con non pochi risentimenti per gli automobilisti in transito nella zona. Tra gli obiettivi della protesta quello di rilanciare l’importanza di un territorio che, hanno detto gli organizzatori, con la nuova pista verrebbe ‘stravolto’.
“Ma noi non siamo i sindaci del no – ha detto Puggelli – siamo quelli che ogni giorno stanno a fianco dei loro cittadini, che a loro danno risposte, che si occupano delle buche. Da sempre su questa vicenda è mancato il coinvolgimento dei territori. In 10 anni non ci hanno mai ascoltato, mai voluto sentire”. La loro ultima una speranza la ripongono nei giudici del Tar a cui hanno fatto ricorso.

News Correlate