Corte conti, in Toscana condanne per 1,2 mln per tassa soggiorno

Nel 2018 in Toscana, in materia di imposta di soggiorno, sono state depositate 22 sentenze di condanna, di cui 17 riguardanti gli alberghi fiorentini, con condanne pari a 1,2 milioni di euro. I dati sono emersi in occasione della cerimonia d’apertura dell’anno giudiziario 2019 della Corte dei Conti per la Sezione giurisdizionale toscana.

“La circostanza – ha affermato il procuratore Acheropita Mondera – che l’80% del mancato riversamento riguardi alberghi siti a Firenze, e il fatto che le città d’arte ed i comuni turistici in Toscana siano numerosi, porta a chiedersi se gli Enti locali provvedano o meno ad attenzionare e controllare adeguatamente il pagamento dell’imposta”.
La sezione – ha spiegato il presidente Amedeo Federici – ha emesso un significativo numero di sentenze di condanna, stante la qualifica di agenti contabili rivestita dai responsabili delle strutture ricettive, i quali, contestualmente alla causazione di un danno alle risorse finanziarie dell’ente locale, si rendono responsabili anche del reato di peculato”.

News Correlate