martedì, 19 febbraio 2019

Firenze, per Nardella ordinanza antipanino ‘non è misura punitiva ma di buonsenso’

L’ordinanza antibivacchi che impone il divieto di fermarsi a mangiare sui marciapiedi di alcune strade del centro di Firenze “non ha finalità di punire le persone ma di introdurre un elemento di buonsenso e un deterrente per far capire che si può mangiare un buonissimo panino toscano rispettando di più la città”. É quanto ha affermato Dario Nardella, sindaco di Firenze, Ldurante un sopralluogo in via de’ Neri, uno degli spazi dove è in vigore l’atto.

“Questa è una risposta concreta e di buonsenso – ha aggiunto – Ovviamente non siamo così ingenui da pensare che un’ordinanza basti a risolvere un problema così complesso, però è uno strumento molto semplice che consente alla polizia municipale, che avrà una pattuglia fissa e nei dintorni, per invitare quei turisti cafoni, come li chiamo io, che si siedono, bivaccano, sporcano il marciapiede e la strada. L’obiettivo è evitare questo assembramento così intenso e critico in una sola via. Se le persone si distribuiscono in più strade e in più piazze il fenomeno sarà certamente più ridotto. Intanto, abbiamo delle locandine, in italiano e in inglese, che saranno esposte in tutte le vetrine dei negozi, e che informeranno i turisti di questa novità”, ha concluso il primo cittadino.

News Correlate