domenica, 15 settembre 2019

A Firenze cresce turismo extra Ue, a dimostrarlo i dati delle vendite tax free

Firenze rimane sempre una tra le mete preferite dai turisti internazionali. In dieci anni la presenza nella città dei Medici di turisti cinesi, americani e russi si è via via consolidata.

È uno dei trend, che emerge dall’analisi condotta da Global Blue, società leader per i servizi Tax Free Shopping, presentata a Palazzo Strozzi nel corso dell’evento ‘Firenze e il turismo extra Ue’. Global Blue ha presentato i risultati di un’analisi sui principali flussi turistici in città per condividere prospettive e strategie per il retail fiorentino. Ad aprire i lavori Leonardo Ferragamo, presidente dell’Associazione Partners di Palazzo Strozzi. Sono intervenuti: Stefano Rizzi, Country Manager Global Blue Italia; Marco Carrai, presidente Toscana Aeroporti SPA; Francesco Bechi, presidente Federalberghi Firenze; Franco Barbieri Ripamonti, fondatore di Upcademy.
A chiudere i lavori Paola Concia, assessore al turismo, marketing territoriale e attrazione di investimenti del Comune di Firenze.
I dati di Global Blue hanno evidenziato come a Firenze nei primi 9 mesi del 2017 le vendite tax free siano cresciute del 6% rispetto allo stesso periodo del 2016, cifra in linea con quanto fatta registrato in Italia (+8%). Da gennaio a settembre i cinesi si sono confermati prima nazionalità (28% del totale) presente nel capoluogo toscano con acquisti tax free in crescita del 5% (rispetto allo stesso periodo 2016). Hanno seguito gli americani (20%) e i russi (9%) con un incremento in termini di Tax Free Shopping rispettivamente del 3% e del 41%.
Il dettaglio dell’analisi Global Blue fa emergere un dato significativo in termini di nazionalità: nei primi 9 mesi del 2017, infatti, i turisti americani e cinesi hanno dimostrato tendenze diverse in termini di mete italiane scelte per lo shopping: i primi hanno fatto acquisti tax free in maniera pressoché omogenea a Roma (23%), Milano (22%) e Firenze (21%), i secondi, invece, hanno prediletto principalmente Milano (38%) e a seguire Roma (18%), Firenze (9%) e Venezia (6%).
Da gennaio a settembre lo scontrino medio registrato a Firenze è stato pari a 782 euro, cifra di poco superiore rispetto al dato italiano (769 euro) e con una variazione minima rispetto ai primi 9 mesi dello scorso anno e pari al -1% a Firenze e +1% in Italia.

“I dati sul Tax Free Shopping dei primi nove mesi del 2017 sono positivi sia a Firenze sia in Italia, e il nostro obiettivo per il futuro prossimo è riuscire a offrire ai turisti internazionali servizi di altissima qualità che contribuiscano a rendere unica la loro shopping experience nel Bel Paese”, ha detto Stefano Rizzi, General Manager Global Blue Italia.

Marco Carrai, presidente di Toscana Aeroporti SpA,ha illustrato i trend e le prospettive future del traffico aereo passeggeri extra-Ue che scelgono Firenze, mentre Francesco Bechi, di Federalberghi Firenze, ha sottolineato come il mercato turistico in questi anni si sia progressivamente diversificato per quanto riguarda la geografia della provenienza e anche per il genere di richiesta.

News Correlate