Turismo accessibile, 7 TO internazionali alla scoperta della Toscana

Un viaggio alla scoperta della Toscana accessibile, da Firenze alla Maremma, per 7 TO internazionali: è il Fam Trip organizzato dall’11 al 14 aprile da ‘Accessible Tourism’, la divisione di ‘The Plus Planet’ che si occupa di turismo accessibile.

Dal 2015 Accessible Tourism è specializzato nell’organizzazione di viaggi accessibili in Italia e nel gestire le esigenze di chi ha disabilità di varia natura, fisica, sensoriale e intellettivo-relazionale. Ogni primavera Accessible Tourism organizza un viaggio riservato ai principali TO internazionali che si occupano di turismo accessibile, per far loro conoscere strutture e sperimentare servizi accessibili in Italia.

Per il Fam Trip 2019 sono stati invitati 7 TO, provenienti da Germania (Accamino Reisen, BSK Reisen e Runa Reisen), India (Cox & Kings – Enabletravel), Regno Unito (Enable Holidays), Argentina (Soles Viajes) e Danimarca (Sustravel).

Il Fam Trip è durato 4 giorni e ha portato i tour operator a conoscere alcune delle località più belle della Toscana. Il tour è partito da Firenze, dove, oltre a strutture alberghiere e ristoranti, è stato visitato il Museo dell’Opera del Duomo, grazie ad un tour tattile. Il gruppo si è spostato poi sulla costa toscana, dove sono stati visitati camping e strutture legate al territorio, dalle Rochette a Follonica, compresa la celebre cantina di Petra in Val di Cornia. La terza tappa è stata Pisa, con la Piazza dei Miracoli. Infine, il rientro a Firenze, con la visita al Piazzale Michelangelo dove, in occasione della Gran Fondo di Ciclismo, anche il sindaco della città, Dario Nardella e l’assessore allo sport Andrea Vannucci hanno salutato i tour operator che hanno voluto assistere all’evento.

“Il turismo accessibile è un settore delicato che deve tenere conto di diversi tipi di esigenze – spiega Leonardo Sorelli, direttore di The Plus Planet – Abbiamo iniziato nel 2015 a lavorare in Toscana, una regione molto attenta a questo tipo di turismo, e conosciamo bene le strutture accessibili del territorio: l’obiettivo dei Fam Trip è farle testare ai nostri partner così da consentire loro di creare pacchetti viaggio che rispondano pienamente alle esigenze dei loro clienti”.

News Correlate