Scalo Verona, ad aprile pax a +8,8%

È partito alla grande il II trimestre della società Catullo SpA, che nel mese di aprile ha registrato un incremento di traffico all'aeroporto di Verona (+8,8%). Un contributo importante alla crescita sono soprattutto i nuovi voli, che hanno determinato l’incremento del 17% del traffico internazionale, mentre permane negativo il dato relativo al traffico domestico (-4%). Dal 30 marzo, sono 6 le nuove destinazioni internazionali collegate con voli diretti dal Catullo, che hanno contribuito all’aumento di traffico dello scalo veronese: i collegamenti con Berlino (3 volte la settimana), Amburgo (2 volte la settimana) e Colonia, operati da Germanwings, e i voli per Palermo, Dublino e Amsterdam serviti rispettivamente da AirOne, Aer Lingus e Transavia.  Dal mese scorso sono stati rafforzati i collegamenti con Bari e Palermo operati da Volotea. Ad aprile i voli di linea hanno movimentato oltre 165 mila passeggeri, con una crescita del 7%. A questi si aggiungono oltre 26 mila passeggeri partiti e atterrati a Verona su voli charter, che hanno registrato una ripresa notevole pari al 22%. Il risultato è influenzato, oltre che dalla programmazione di nuovi voli, anche dalla ripresa del charter e dalle numerose festività che hanno consentito di programmare viaggi di breve e media durata. La vendita dei parcheggi in aeroporto è in crescita grazie alle positive performance del traffico passeggeri ed, in particolare, alle attività di vendita dei parcheggi online che nel mese di aprile sono aumentate dell’ 84%. È stata attivata la promozione che offre la possibilità di parcheggiare in aeroporto a 5 euro al giorno se il si acquista on line entro l’8 giugno. Entro luglio al Catullo sarà completato il quadro dei nuovi collegamenti, con 13 nuovi voli per Bucarest, Timisoara, Southampton, Barcellona, Parigi, Cambridge, Ginevra, Zurigo, Edimburgo, Leeds, Mostar, Zante e Corfù. Dalla settimana prossima inoltre riprenderanno i collegamenti con Londra e Manchester operati da Monarch.

News Correlate