Federalberghi Garda Veneto, ecco la squadra del neo presidente De Beni

A due settimane dall’elezione di Ivan De Beni alla presidenza di Federalberghi Garda Veneto, è stata completata la squadra che per 4 anni affiancherà il presidente nella gestione dell’Associazione che conta circa 400 soci sulla costa veneta del lago di Garda.

Il nuovo Consiglio direttivo è così composto:

Vicepresidenti: Claudia Speri dell’Hotel Al Fiore di Peschiera del Garda; Mirko Lorenzini dell’Hotel Gardesana di Torri del Benaco
Tesoriere: Marco Treccani dell’Hotel Castello Lake Front di Malcesine
Consiglieri: Claudio Manetti dell’Hotel Color di Bardolino; Giuditta Isotta dell’Hotel Firenze di Brenzone sul Garda; Roberto Ginami dell’Hotel Roma di Garda; Virginia Torre dell’Hotel Sirena di Lazise; Marco Treccani dell’Hotel Castello Lake Front di Malcesine; Corrado Bonetti dell’Hotel Sole di San Zeno di Montagna.

Collegio dei probiviri: presidente Federica Mafezzoli dell’ Hotel Eden di Torri del Benaco; Edoardo Pasotti dell’Hotel Palace San Pietro di Bardolino; Riccardo Guarise dell’Hotel Relais Agli Olivi di Lazise.
Presidenti Onorari: Enrico Kaufmann dell’Hotel Villa Monica di Malcesine; Giuseppe Lorenzini dell’Hotel Gardesana di Torri del Benaco.

Quale presidente di Federalberghi Garda Veneto, Ivan De Beni ha già assunto gli incarichi di rappresentanza nel Consiglio direttivo nazionale della Federazione e negli organi di Federalberghi Veneto. Una presenza importante e prestigiosa che può dare maggiore risalto in ambito nazionale e regionale alle istanze del territorio gardesano.
“Sono molto soddisfatto – dice Ivan de Beni – sia di rappresentare la nostra organizzazione in ambito nazionale e regionale sia della mia squadra di lavoro che, ne sono certo, saprà affiancarmi e collaborare con me per portare avanti le battaglie e le istanze della categoria.

Nella scelta dei vicepresidenti e degli altri incarichi ho cercato di garantire la rappresentatività territoriale e ho considerato la disponibilità dei delegati nell’affiancarmi nelle molteplici attività in cui l’Associazione è impegnata e nel darmi il necessario supporto per affrontare uniti le problematiche con le quali dovremo confrontarci.

Le tematiche che maggiormente stanno a cuore alla categoria – aggiunge – sono principalmente quelle legate alla sostenibilità: in primo piano naturalmente il problema del collettore per il quale auspichiamo si risolvano a brevissimo i nodi e si possa così partire con i lavori che prevedono un iter di parecchi anni; le poi a viabilità sulla gardesana che ad ogni stagione turistica si ripresenta in maniera allarmante e che si potrebbe alleggerire sviluppando le attività green, come bike e mobilità elettrica, e potenziando gli spostamenti via acqua.

Dal punto di vista dell’organizzazione dell’Associazione – conclude – questa deve continuare ad offrire servizi ad alto valore aggiunto, come ha sempre fatto, ma deve anche aprirsi a nuovi servizi legati alle diverse esigenze di mercato. Importante, infine, raggiungere l’obiettivo, inseguito da anni, di una promozione unitaria del lago con il coinvolgimento della Lombardia e del Trentino”.

News Correlate