mercoledì, 19 giugno 2019

Venezia, Generali si occuperà del recupero delle Procuratie vecchie a S.Marco

Recupero architettonico, affari, lavoro e inclusione sociale a sostegno dei più deboli. Così le Assicurazioni Generali ‘trasformano’ le Procuratie vecchie in Piazza San Marco a Venezia, mettendo al bando il business turistico. Il progetto di restituzione dello storico edificio prevede un ‘restituzione’ a cura dell’architetto David Chipperfield, che ne terrà intatto l’aspetto esteriore mentre la parte posteriore, rimaneggiata più volte e su più corpi ed edifici, verrà adattata rispettandone la sostanza per dare spazio ad uffici, luoghi di ritrovo, aree affari e all’ultimo piano la sede della ‘Human Safety Net’, rete mondiale avviata da Generali per sostenere progetti di inclusione sociale. Per realizzare il tutto sono stati chiamati a lavorare artigiani e professionisti veneziani nonché imprese del luogo.

“Nell’adattare l’edificio per accogliere un programma più ‘pubblico’ – ha detto Chipperfield – abbiamo cercato di trovare un equilibrio tra le esigenze infrastrutturali e il restauro e la ristrutturazione della struttura storica. Siamo spinti dalla doppia ambizione di riunificare l’opera architettonica e l’identità dell’edificio come luogo di lavoro, incontro e dialogo per la città”. “Grazie a questo recupero – ha detto Philippe Donnet, Ceo di Generali – porteremo vita a Venezia, lavoro a San Marco, senza avere a che fare in modo diretto con il turismo”. Per Donnet “i 25 milioni di turisti che toccano Venezia potranno entrare nelle Procuratie vecchie ma solo per scoprire il lavoro di Safety Net, con mostre multimediali, ed eventualmente contribuire alla crescita della cultura dell’inclusione sociale. Le Procuratie vecchie – ha sottolineato – non saranno luogo per guardare al passato ma al futuro, con riguardo alle persone”.
“Un bell’esempio di rapporto tra pubblico e privato, realizzato secondo il principio di sussidiarietà – ha aggiunto il sindaco Luigi Brugnaro -. Questa sinergia ha due valenze fondamentali: sviluppa l’occupazione nel cuore della città storica ed è un investimento di alto valore sociale”.

News Correlate