venerdì, 15 novembre 2019

A Venezia delegazioni di 7 scali crocieristici parlano di sostenibilità

Delegazioni di 7 dei principali porti crocieristici europei – Amsterdam, Palma di Maiorca, Bergen, Cannes, Dubrovnik, Malaga, Marsiglia Fos – si sono riunite a Venezia in occasione di ‘Cruise 2030 call for action’ lanciata a luglio da Pino Musolino, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale. Scopo dell’iniziativa, delineare strategie comuni volte ad accrescere la compatibilità fra il settore crocieristico e le realtà urbane e ambientali europee. Ciascuna realtà portuale ha potuto sottolineare le diverse specificità dei relativi scali e, conseguentemente, le diverse criticità da affrontare e risolvere.
Il prossimo meeting si terrà a gennaio 2020 presso il porto di Palma di Maiorca.
Le delegazioni hanno intanto deciso di lavorare a un piano d’azione con l’obiettivo di giungere al prossimo incontro con un documento condiviso da approvare. Tra i problemi comuni innanzitutto i limiti fisici che caratterizzano i porti europei, che a differenza di quelli caraibici, ad esempio, sono incastonati in un quadro urbano di impianto antico, di grande interesse storico e artistico e di forte richiamo per il turismo ma, contemporaneamente, anche con una maggiore fragilità. Serve un naviglio più adeguato alle caratteristiche degli scali portuali gestiti e delle città di riferimento. Il comparto è oggetto spesso di mistificazioni. La crocieristica, ad esempio, genera flussi turistici che sono solo una frazione di quelli che raggiungono le varie destinazioni d’interesse e portano grande ricchezza al territorio. I porti europei coinvolti stanno cercando di ridurre il più possibile l’impatto delle crociere sforzandosi, nel contempo, di mantenere e rilanciare un business che ha enormi ricadute benefiche a livello economico e occupazionale per i territori di riferimento, ricercando nelle nuove tecnologie soluzioni per ridurre ulteriormente l’impronta ambientale del traffico crocieristico, non solo a livello di naviglio ma anche sul fronte dell’indotto.

News Correlate