mercoledì, 26 giugno 2019

Turismo sostenibile, emozionale e tematico con il ‘Progetto Futourist’

Sono 40 gli itinerari e le azioni tematiche d’ interesse naturale e culturale che verranno valorizzate attraverso attività progettuali all’interno di 7 aree selezionate, 3 in provincia di Belluno, 1 ad Asiago e 3 in Tirolo.

Parliamo di turismo sostenibile emozionale e tematico, attento e volto alla conservazione dei preziosi patrimoni della natura, attraverso percorsi di educazione ambientale, su cui sta investendo la Cciaa di Treviso – Belluno in qualità di Lead partner, in collaborazione con i partner transfrontalieri, il Comune di Asiago e TirolerUmweltanwaltschaft, grazie al progetto Futourist. Si tratta del piano di promozione del patrimonio naturale e culturale alpino, finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale e Interreg VA Italia Austria 2014/2020, scandito da incontri transfrontalieri e da attività di coaching.

L’analisi di ogni fase del progetto così come il monitoraggio dello stato di avanzamento e lo sviluppo di ulteriori progettualità sono stati oggetto dei primi 2 incontri transfrontalieri tra i rappresentanti italiani e austriaci, che si sono incontrati a Pedavena il 26 novembre 2018 e ad Innsbruck il 21 febbraio 2019.

Nel primo meeting, i partner del progetto hanno presentato Futourist agli operatori turistici della Valbelluna e al direttore della Dmo Dolomiti, Giuliano Vantaggi condividendo i percorsi e la modalità dell’attività di promozione. Dal confronto sono emersi spunti interessanti ed idee concrete per ampliare l’offerta turistica e la stagionalità, coinvolgendo diversi attori della filiera tra i quali anche le guide specializzate preparate a consigliare al meglio l’ospite, offrendo l’opportunità di entrare in contatto diretto con la reale bellezza del territorio.

Nel territorio bellunese sono state organizzate 2 giornate di coaching, il 21 marzo 2019 a Trichiana in loc. Pranolz (Belluno) dove Alessandra Magagnin, amministratore unico della DMO Dolomiti, vice presidente del Consorzio Turistico Dolomiti Prealpi e Master Trainer della Scuola Italiana di NordicWalking ha presentato il progetto Fouturist e ha guidato i partecipanti in un escursione lungo il percorso ‘Anello delle Melere’, tra gli itinerari individuati nell’ambito di Futourist. Il percorso è stato caratterizzato da soste per illustrare le peculiarità, le curiosità, le aree più interessanti e incantevoli dell’itinerario. A questo incontro ha partecipato anche il Segretario Generale della Camera di Commercio di Treviso – Belluno Romano Tiozzo.
“La Cciaa, incaricata dal Governo, della nuova competenza sul turismo e sulla promozione dei territori, sta investendo competenze e risorse per portare avanti con successo le progettualità di un turismo inclusivo e sostenibile, capace di promuovere i territori e di favorire le imprese della ricettività creando una rete in cui l’ospite venga guidato e accompagnato a scoprire i luoghi incontaminati delle mete montane. Il progetto Fouturist ha il pregio, infatti, di promuovere il territorio attraverso la valorizzazione di percorsi e prodotti turistici “CO2 free” ed eco-sostenibili”, ha detto Tiozzo.

Gli appuntamenti del mese di marzo si sono conclusi con la seconda giornata di coaching presso la Camera di Commercio CCIAA di Treviso-Belluno. L’incontro del 25 marzo 2019, “Le reti di impresa: opportunità per lo sviluppo del turismo sostenibile”, ha visto la partecipazione di enti territoriali, associazioni e imprenditori del turismo che hanno valutato le opportunità e i vantaggi offerti dalla normativa del contratto di rete e le opportunità per l’accesso ai bandi di finanziamento ed al credito nell’ambito del progetto Futourist.

News Correlate